Fioritura

0

Posted by Marco | Posted in Comunicazioni, Diario, Senza categoria | Posted on 10-07-2020

Delle piantine d’aloe vera, trapiantate lo scorso anno, la più precoce ha emesso il suo fiore, che emerge solenne tra le erbe selvatiche che la circondano.

Novità

0

Posted by Marco | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 22-04-2020

Quest’anno un’inaspettato regalo: un amico sardo ci ha regalato un sacchetto di bulbi di zafferano. Un po’ scettici sulla nostra capacità di rendere onore a questo dono, abbiamo ritagliato una parte di aiuola dove piantare i bulbi.

Un astuto osservatore

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 29-01-2019

Oggi, mentre ci concedevamo una giro di svago intorno al nostro orto, complice la bella giornata, ci siamo accorti che non eravamo i soli a goderci il sole, c’era anche un simpatico animale che, curioso come noi, pur restando a debita distanza, ci osservava.

volpina

Tra i tanti elementi per cui dobbiamo incentivare la cultura degli orti urbani, c’è sicuramente quella che riguarda la possibilità di preservare un ambiente ecosostenibile che, ovviamente, comporta la presenza anche di animali selvatici.

Quest’inverno ….

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 28-12-2018

non ci ha dato soddisfazioni: finocchi e cavolfiori poco sviluppati, le puntarelle che non s’ingrossano, gli spinaci che non germogliano ……. mmmhhhhh …… stiamo perdendo colpi o come al solito … è colpa del tempo ??

In compenso sono spuntati, in gran quantità, questi funghi: coprinus comatus.

coprinus comatus

Commestibili (la sola cappella) ma poco gustosi.

Un simpatico visitatore

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 15-10-2018

Mentre preparavamo un’aiuola, togliendo lo strato di pacciamatura, abbiamo disturbato il tranquillo riposo di un inatteso ospite.

l’orto di quest’estate

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 22-07-2018

Quest’anno abbiamo deciso di dare maggior rilievo a pomodori da salsa e insalata come il casalino e il pantano, senza però tralasciare qualche pianta di ciliegino e datterino.

Oltre a peperoni e melanzane grande spazio alle zucche: principalmente butternut e berretta piacentina.

berretta piacentina

La nevicata di febbraio

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 03-03-2018




La buona esposizione dell’orto ha permesso che le colture in campo, finocchi e cavoli, riuscissero a superare il gelo.

Le officinali, in particolare la salvia, hanno sofferto un po’ di più, ma per fortuna sono riuscite a sopravvivere.

Berretta piacentina

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 11-01-2018




Dopo le zucche Butternut quest’anno l’orto ci ha regalato anche le buone e polpose zucche berretta piacentina, ideali per risotti.

Auguri con il nostro cesto natalizio

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 19-12-2017




Tra pochi giorni sarà il nostro settimo Natale, l’ orto invernale è ben avviato e siamo in attesa di provare i prodotti in campo (finocchi, broccoletti, cavoli) mentre stiamo già mangiando le cicorie e le insalate.

Vogliamo festeggiare condividendo con voi un cesto di prodotti autunnali: le nostre zucche!

      

E ci piace salutare la fine di questo anno e l’inizio del 2018 con un fiore, un nostro piccolo esperimento.

Visita degli studenti dell’università di Washington D.C.

0

Posted by Associazione EutOrto | Posted in Comunicazioni, Eventi | Posted on 10-10-2017




Sabato, 14 ottobre alle 9.30, sono venuti a trovarci, come lo scorso anno, un gruppo di studenti dell’università degli Stati Uniti.

La loro ricerca riguarda vari aspetti delle nuove dinamiche sociali che si sviluppano nelle città, in particolare quelle esperienze che ri-creano nuovi spazi di socialità e di aggregazione.

Gli orti urbani ne sono un esempio evidente, rappresentando una forma di partecipazione, dal basso, dei cittadini verso una riappropriazione consapevole ed eco-sostenibile degli spazi verdi degradati.

Il nostro orto ha la particolarità di rappresentare un tentativo di re-inventarsi un lavoro senza averne esperienza, spinti dal nostro legame solidale che ci legava in quanto dipendenti della stessa azienda.